Autore

Giovanni Broegg

Browsing

Siamo all’alba (per quanto riguarda la mass adoption) dello Smart Working, della condivisione file via Cloud, delle Video Chiamate di lavoro, etc… e tutte le aziende stanno aprendo i loro portafogli (e la loro privacy) a colossi come Google che fornisce un’insieme davvero variegato di servizi all’interno della sua G Suite.

Ma quali sono i principali punti deboli della G Suite di Google?

Prima di tutto il prezzo

I piani tariffari di G Suite partono da 5.20€ al mese per utente, fino ad arrivare a 23€ al mese per utente. Quindi se la tua azienda ha, per esempio, 10 dipendenti e diciamo che ha bisogno di strumenti “intermedi”, si arriva facilmente ad un costo di:

Premessa: quest’articolo è rivolto sia ai titolari di attività locali, sia a coloro che vogliono lanciare (o consolidare) il proprio brand; quindi non è rivolto ai tecnici del settore.

Fare Facebook Ads non è per tutti, quindi dopo aver letto quest’articolo sarai perfettamente in grado di capire se sei adatto per il mondo del marketing online o se è meglio continuare ad affiggere i manifesti nel tuo paese (scusami se sono così duro, ma è importante che passi questo concetto).

Bitcoin oramai è inarrestabile. In pochi mesi ha fatto una corsa verso il +300% senza fermarsi un attimo!

Ma perché? Cos’è successo in questi mesi? E cosa c’è da aspettarsi?

Innanzitutto c’è da chiarire una cosa: i fondamentali di Bitcoin non sono mai stati intaccati, nemmeno in tutto il bear market* del 2018, anzi… sono più di 10 anni (ovvero dalla sua nascita) che Bitcoin è sempre più stabile, sicuro e sopratutto diffuso!

*Per bear market, si intende il “mercato degli orsi”; in finanza si usa questo termine per indicare un mercato al ribasso

Chi mi conosce lo sa, ho realizzato tanti progetti nella mia vita e tutt’oggi non so ancora ben definire il mio lavoro… di cosa mi occupo. Tuttavia in questi 15 anni lavorativi c’è stato un filo conduttore che mi ha accompagnato in tutte le metamorfosi che ho avuto: lo sviluppo di siti web.

Più che sviluppo puro, ho sempre avuto il pallino per il Web Design, quindi piuttosto che mettermi lì a scrivere migliaia di righe di codice (cosa che ho comunque fatto per alcuni clienti / progetti) ho sempre preferito focalizzarmi sull’aspetto grafico di un sito web. Per questo il 90% dei miei siti web l’ho realizzato utilizzando WordPress, ovvero una piattaforma (CMS è il termine tecnico) che semplifica tutti i processi legati allo sviluppo con tutta una serie di vantaggi, tra cui:

In questa nuova fase della mia vita – come ho scritto anche negli articoli dove parlo di un mio nuovo inizio ed in quello dove spiego il motivo per il quale, per me, i soldi servono solo per pagare le bollette, ma le soddisfazioni sono altre – voglio veramente lavorare solo ed esclusivamente per dare un valore concreto e tangibile a chi crede in me, a chi vuole usufruire dei miei servizi di consulenza strategica sul web (sia in termini di sviluppo che di marketing). 

Probabilmente non sarò più “per molti”, ma questa scrematura non mi fa paura. Dico che non sarò più per molti, perché per dare dei risultati reali c’è bisogno di un grande impegno e di lavorare a braccetto con ogni cliente che deciderà di farsi seguire; per questo i costi non possono essere quelli del ragazzetto sotto casa o della multinazionale che segue centinaia di progetti contemporaneamente (facendo semplicemente carne da macello, spolpando più soldi possibili ai mal capitati).

Ti è mai capitato di girovagare su qualche e-commerce (quindi non sul tuo) per acquistare qualcosa? Lo so, la domanda è retorica… a chi non è mai capitato di voler acquistare qualcosa online?

A questo punto continua a leggere solo se la tua risposta alla prima domanda è SI (se hai un e-commerce e non hai mai acquistato online, non meriti di sapere XD)

In ogni caso a me capita spesso. Un’altra cosa che mi capita spesso è quella di abbandonare il carrello in fase di acquisto per varie ragioni:

Ho sempre avuto una forte passione ed attenzione per il benessere fisico e mentale. È da quand’ero ragazzo che studio e seguo anche corsi di formazione sull’alimentazione e sul miglior modo di allenarsi per avere un’ottima forma fisica.

Nel corso degli anni ho cambiato tante diete (ed anche tanti tipi di allenamento) perché ho sempre cercato di vederne gli effetti su di me e su qualche amico/amica che mi faceva da “cavia” XD. Ho letto davvero tanti libri a riguardo: dieta fasica, dieta paleo, dieta vegetariana, etc… Per quanto riguarda l’allenamento, invece, ho seguito corsi di formazione in tutta Italia con bodybuilder di tutto rispetto. Ho avuto anche belle soddisfazioni sia sul mio fisico che su quello delle persone che allenavo in maniera amatoriale.

Dopo aver svoltato più e più volte, oggi penso di aver raggiunto un buon equilibrio: non mangio carne (anche se ogni tanto mi concedo qualche affettato), ma bilancio gli eventuali scompensi che ne potrebbero derivare integrando nella mia alimentazione qualsiasi tipo di cereale/legume/verdura/frutta/etc… In pratica mangio davvero di tutto. Non c’è un alimento che non mi piace, tranne la carne.

Il bodybuilding, invece, mio malgrado l’ho un po’ messo da parte. Purtroppo non riesco, almeno in questa fase della mia vita, ad allenarmi. Questo perché da circa 4 anni oramai pratico Yoga per curare l’aspetto mentale o, per meglio dire, interiore.

Yoga mi ha aiutato tantissimo nella mia crescita personale, mi ha mostrato lati di me e del mondo che prima ignoravo completamente.

Al corso Yoga ho avuto la fortuna di incontrare il mio attuale amico/socio Arturo Esposito con il quale abbiamo avviato un’associazione per coltivare verdura in maniera completamente naturale, senza l’utilizzo di alcun prodotto chimico. Questa associazione si chiama New Life e potete approfondire l’argomento sul sito ufficiale cliccando qui. New Life è una di quelle attività che faccio davvero con passione. Prendiamo dei semi completamente puri e li piantiamo nella nostra terra incontaminata (facciamo periodicamente analisi sia del terreno che dell’acqua del pozzo).

Sarò sincero, abbiamo grosse difficoltà a far crescere l’associazione sia perché le spese sono elevate, sia perché le persone seppur sensibili all’argomento non sembrano interessarsi a ciò che ingeriscono, anzi:

Le persone danno più attenzione a quello che indossano esteticamente, che a quello che ingeriscono interiormente.

Eppure il nostro motto è sempre stato chiaro: dare la possibilità a tutti di mangiare verdura incontaminata… come? fissando dei prezzi molto bassi, quasi come quelli della verdura convenzionale. Ma si sa, le persone sono fraccomode… non amano spostarsi per arrivare da noi a ritirare la verdura… non amano pulirla… vogliono tutto già bello e pronto, a discapito della propria salute.

Ad ogni modo noi, tra le mille difficoltà, stiamo continuando in questa ardua impresa e da poco abbiamo lanciato Prodotti Tipici Campania, il nostro e-commerce per la vendita online dei nostri prodotti inscatolati. Abbiamo, quindi, realizzato dei sott’oli di altissima qualità utilizzando esclusivamente la verdura e gli ortaggi coltivati da noi, ovvero in maniera completamente naturale, senza l’utilizzo di nessun agente chimico. Oltre ai sott’oli abbiamo fatto delle passate e delle confezioni con pomodorini del piennolo e datterini gialli. Un’impresa davvero ardua, credimi, ma che ci ha dato e ci sta dando molte soddisfazioni.

Io preferisco mangiare in maniera sana, naturale. E tu?

In questa mia nuova avventura lavorativa (o per meglio dire, approccio lavorativo) ho deciso di mettere al primo posto il CLIENTE, ma non nel senso comune che stai pensando. Di solito si crede che il cliente ha sempre ragione, beh… non sono per niente d’accordo. A volte il cliente ha delle pretese assurde che non possono essere esaudite. In un accordo cliente/fornitore, così come tra madre/figlio, tra amici, tra colleghi, tra marito e moglie, etc… ci vuole educazione e rispetto.

Ultimamente mi è capitato un episodio davvero paradossale e colgo l’occasione per raccontartelo così da farti capire perché il cliente NON ha sempre ragione (anzi, spesso e volentieri non ce l’ha per niente).

Dropshipping. Hai mai sentito questa parola? Se non sai di cosa sto parlando, te la spiego in maniera semplice con un esempio: se vuoi avviare un’attività di commercio online, ma non vuoi sostenere gli elevati costi di gestione (acquisto di un magazzino per conservare la merce, acquisto della merce, gestione delle spedizioni, gestione dei clienti, etc…), la soluzione potrebbe essere quella di rivolgersi ad un’azienda che già vende online – che fa dropshipping – e farsi creare un e-commerce completamente gestito in maniera automatica da loro.

I prodotti saranno importati automaticamente sul tuo negozio online, ed anche la gestione delle spedizioni e dei cliente verrà fatta direttamente dall’azienda madre. Tutto molto bello, non credi? Fermati, non ancora ti ho detto quali sono i compiti (in termini di costi e lavoro) che spettano a te.

In questi giorni mi sono ritrovato a parlare con un’amica che non sentivo da tantissimo tempo. Mi ha contattato perché tra pochi giorni inaugurerà una nuova attività col suo compagno e gli servivano dei consigli a riguardo. Giustamente chi apre un attività, per esempio, di infissi, di certo non può essere un esperto di marketing e fa bene a rivolgersi a qualcuno che faccia questo di professione.

La maggior parte delle volte, tuttavia, capita di rivolgersi ad amici, parenti (ed al cugino, del fratello, dell’amico) per il semplice fatto che non bisogna pagarli, anche se, in realtà, di marketing non ne capiscono un tubo!

A volte (anzi spesso) mi chiedo come sia possibile affidare le chiavi del successo della propria attività a qualcuno che non ha nessuna competenza in merito e, a tal proposito, mi viene da citare una frase famosa che dice “Pensi che un professionista ti costi troppo? Non hai idea di quanto ti costi un incompetente”.

Torniamo, però, al vero motivo per il quale ho deciso di scrivere questo articolo. Dicevo che sono stato contattato da questa mia carissima amica perché gli serviva una mano a creare una pagina facebook, eventualmente un sito web, etc… etc…

La prima cosa che le ho chiesto è come si chiamasse l’attività commerciale e devo dire che non sono rimasto stupito quando me l’ha detto: l’iniziale del suo nome + & + iniziare del nome del suo compagno + serramenti e infissi. Per intenderci, se tu ti chiami Francesca ed il tuo compagno si chiama Pasquale, il nome dell’attività che ne fuoriesce è F & P serramenti e infissi.

Non ne sono rimasto sorpreso perché è quello che fanno il 90% delle persone.

Quando le ho fatto notare che il nome fosse poco leggibile ed intuitivo, specialmente per chi vede il logo (che mostra in grande le iniziali dei due nomi ed in piccolo il loro vero business) ho ricevuto di nuovo una risposta che mi aspettavo: il motivo di quelle iniziali nasconde un perché, una filosofia… Tutto molto bello, se non fosse per il fatto che questa filosofia la sanno solo loro!

È questo il punto! È questo il problema di chi avvia un business oggi: pensa a se stesso, al proprio ego, al fatto che il mondo stesse aspettando proprio lui per acquistare, ma non è così. Mi dispiace deludervi, ma non è così. Il mondo se ne frega di voi, della vostra attività, della vostra filosofia, di quello che pensate, di quello che mangiate, etc.. Le persone sono troppo prese da se stesse per pensare ad altro.

L’unico modo per catturare la loro attenzione è avere una comunicazione attenta ai loro bisogni, non ai nostri. È per questo che il marketing inizia prima del business, perché ogni passo è importante, a partire dal nome. Scegliere un nome facile da pronunciare, facile da ricercare online, intuitivo e piacevole da leggere, sta alla base per distinguersi dalla massa.

Allora quale poteva essere un nome indicato per il tipo di attività avviato dalla mia amica? Beh, la risposta non è semplice e nemmeno immediata proprio perché ci dev’essere uno studio dietro. Però le prime cose che mi vengono in mente sono: “infissi d’autore”, “Firenze infissi”, “infissi di qualità”, etc.. per intenderci, cose semplici ma d’impatto.

Nota per la mia amica: la tua storia mi è servita solo da input, ma sappi che non è un attacco nei tuoi confronti, anzi, ti ringrazio per essermi stata da musa ispiratrice per un concetto che volevo esprimere già da diverso tempo.